I Sex- Antenni: la sessualità over 65

Svariate ricerche dimostrano come le persone tra i 65 e gli 80 anni in buone condizioni psico-fisiche, siano sessualmente attive.

Il tabù culturale che vede gli over 65 come asessuati sta rapidamente facendo posto ad un nuovo paradigma, anche se in moltissimi ancora dimostrano dubbi o vergogna nel parlarne con i familiari, o addirittura con i professionisti della salute.

Questi ultimi sono spesso impreparati nel gestire questo aspetto, e in alcuni casi dimostrano essi stessi timore nell'affrontare con i propri pazienti l'argomento.
In molti riferiscono gradirebbero fossero proprio i medici ad affrontare il discorso, tanto quanto si occupano di altri aspetti della loro salute e del loro benessere.

Se i tabu sociali vedono l'anziano come una sorta di pre-adolescente, screvro da qualsiasi impulso, sono gli anziani stessi che dimostrano volontà di parlare e condividere questo aspetto così importante della propria qualità della vita.

Gli aspetti che influiscono nella decisione di portare avanti la propria sessualità anche dopo i 65 anni sarebbero, oltre ai fattori fisici:

1) l'atteggiamento e le credenze rispetto a cosa fa bene a llivello fisico e psicologico

2) la presenza o meno di partner sessuali

3) le forme di vivere la sessualità e gli stili di vita pregressi

4) l'atteggiamento rispetto alla propria corporeità e ai cambiamenti intrinsechi all'invecchiamento.

Spiega Roberto Bernabei, presidente Italia Longeva, dell’Università Cattolica di Roma:

  • «Le patologie oggi hanno meno peso sulla vita degli anziani. Innamorarsi andrebbe raccomandato alla pari dell’attività fisica e della sana alimentazione perché i rapporti familiari e sociali sono farmaci naturali.
    I sessantenni e i settantenni di oggi, uomini e donne, non sono più vecchi rinunciatari.
    Oltre all’uso più comune di farmaci tipo viagra, si assiste ad un allungamento degli anni dedicati all’affettività e all’intimità, per entrambi i generi».*

Le donne, nello specifico, rifioriscono, come sottolinea la ricercatrice Ruth Ray-Karpen: anche in età da pensione, spesso chiudono rapporti sentimentali che già erano arrivati al capolinea, innamorandosi di nuovo, dimostrando grande curiosità ed energia anche per la sfera sessuale.

Il contatto affettivo e sessuali nella terza e quarta età sono quindi importantissime variabili, promotrici di un invecchiamento attivo e di qualità, assieme ad altri più conosciuti fattori (esercizio fisico, dieta bilanciata, relazioni familiari, sociali e amicali...)

Condividi l’articolo: