Espatrio e resilienza

Capire di che tratta il concetto di RESILIENZA EMOTIVA può essere utile per guidarci nell'approccio al processo di espatrio: rappresenta infatti una chiave di lettura per capire come l'atteggiamento di fronte alle difficoltà possa effettivamente influenzare l'esito delle nostre azioni.

COSA SIGNIFICA ESSERE RESILIENTI

Il concetto di resilienza è molto interessante e pratico, e viene adottato in numerosi campi, come quello della biologia per esempio, facendo riferimento alla capacità degli organismi di ripararsi in modo autonomo dopo aver subito un danno, o in campo informatico, dove designa la caratteristica di un sistema di adattarsi alle condizioni di utilizzo e di resistere all’usura della pratica e del tempo.

Lo stesso concetto, applicato in chiave psicologica, si può riassumere come la capacità posseduta da ogni singolo individuo di affrontare eventi stressanti,** superarli e continuare ad evolversi aumentando le proprie risorse emotive, strutturali, cognitive.
**

Il modello di resilienza proposto da Richardson si basa sull’importanza degli eventi traumatici//negativi come propulsori utili ad attivare le potenzialità di resilienza di ognuno di noi.
Nello stadio di "emergenza", l’individuo tenta di adattarsi a livello fisico, psicologico e spirituale alla nuova realtà circostante.

La persona resiliente non è quindi una persona necessariamente fuori dal comune, estremamente intelligente o migliore: è semplicemente una persona che trova le risorse emotive dentro di sè, di fronte alle difficoltà, per superarle in modo costruttivo.

Secondo gli studi, le persone con alti livelli di resilienza, dimostrano di:

1. Affrontano la realtà senza negare: in questo modo gli individui resilienti non si crogiolano in uno stato di offuscamento dell'esame di realtà, bensì affrontano le difficoltà attraverso una visione realista dell’ambiente circostante;

2. Ricercano il significato nelle esperienze che fanno, sia di valore positivo che negativo: la resilienza permette di evitare il vittimismo ogni volta che un imprevisto si presenta. Le difficoltà rappresentano uno spunto per creare nuovi significati utili per l’individuo e l'eventuale gruppo a cui l'individuo appartiene;

3. Si caratterizzano per saper improvvisare e creare soluzioni alternative: l’inventiva e la creatività sono armi molto efficaci per sconfiggere le avversità. Gli individui resilienti dimostrano di essere in grado di vedere possibilità che altri non vedono e di mettere in atto le proprie abilità anche in situazioni fuori dal comune.

Descrivendo i soggetti resilienti Dott. Al Siebert individua nel suo libro "Il vantaggio della Resilienza" individua tre forze – la fiducia in se stessi, l’autostima e l’immagine di sé - che fungono da “guardiane” per accedere a livelli più alti di resilienza emotiva.

Potenziare la resilienza emotiva per potenziare e migliorare l'esperienza expat

Linda A. Janssen, autrice del manuale The Emotionally Resilient Expat, avendo vissuto in prima persona le difficoltà emotive dell’affrontare una vita da expat, mette in evidenza l’importanza di rimanere in contatto con la sfera emozionale nel gestire i cambiamenti: l’intelligenza emotiva risiede nella capacità di analizzare le emozioni ed i sentimenti per poter interagire in maniera sana e socialmente accettabile con gli altri.
Altro fattore estremamente importante è l’empatia – ossia la capacità di comprendere gli stati d’animo altrui (http://www.agatianna.com/blog/sull-empatia) gioca un ruolo importante sia nell’ambito dell’intelligenza emotiva sia in quello dell’intelligenza sociale.

Chi possiede queste caratteristiche ha migliori probabilità di sapere leggere con maggiore destrezza l'ambiente in cui è inserito e di conseguenza sapersi orientare meglio anche nelle difficoltà o nei codici culturali che ancora non sa leggere.

Attraverso un atteggiamento positivo e la disponibilità ad ascoltare ed interpretare i segnali fisici e sociali degli altri, è possibile apprezzare situazioni culturali nuove e differenti e vivere una esperienza da espatriato piena di soddisfazioni.

Condividi l’articolo: