Expat, espatriato: tra Italia e Portogallo

Expat, espatriato: tra Italia e Portogallo

“il cambiamento è l'unica cosa permanente e l'incertezza è l'unica certezza” (Bauman)

Essere EXPAT significa essere ESPATRIATO in un paese diverso da quello d'origine.

Chi per studio, chi per lavoro, chi per ricerca (fenomeno mediaticamene definito "fuga di cervelli"), sono molti i connazionali che decidono di cambiare paese di residenza.

Un ulteriore fenomeno che sta interessando l'Italia, ma che è presente in altri Paesi già da oltre 15 anni, è quello della Sun Migration. Come sottolinea Gjergji , 2015:

"In parte anche l’Italia ha svolto il
ruolo di area di destinazione di questi tipi di flussi. Si pensi a benestanti e
intellettuali inglesi che hanno scelto la Toscana per la loro seconda casa e
anche per il trasferimento definitivo. L’aspetto interessante è che l’Italia
da Paese di destinazione delle sun migration sta diventando Paese di provenienza,
con il trasferimento e l’acquisto di case, da parte di pensionati
italiani, in Paesi del sud del mondo e nelle Isole Canarie"

Recentemente, a partire dal 2015, anche il Portogallo è diventato una meta molto ambita anche grazie ai benefici fiscali concessi ai pensionati italiani residenti non abituali.
Si sta verificando un flusso migratorio verso la terra lusitana: dal 2015 al 2016 il numero di italiani residenti in Portogallo è passato da 6068 a 8523 (Fonte: SEF, Serviço de Estrangeiros e Fronteiras).

EXPAT e ADATTAMENTO
Sono stata una expat anche io, e ho vissuto in prima persona alcune delle difficoltà della nostra particolare condizione.
Tra le sfide più comuni che affontiamo ogni giorno: aspetti legati all'integrazione culturale e linguistica, nonchè difficoltà nelle relazioni interpersonali e sociali.
Alcune dinamiche hanno delle somiglianze con ciò che definiamo shock culturale e gli stadi insiti nel fenomeno: per saperne di più.

Il processo di adattamento spesso può essere difficoltoso a causa delle molteplici variabili implicate in esso (vita lavorativa, di coppia, amicizie, usi e costumi diversi dal paese d'origine).


BIBLIOGRAFIA
Bauman Zygmunt (2011), La solitudine del cittadino globale. Feltrinelli, Milano.
Gjergji Iside (a cura di) (2015), La nuova migrazione italiana, Cause mete e figure sociali. Edizioni Cà Foscari, Venezia
SEF, Serviço de Estrangeiros e Fronteiras, www.sefstat.pt/distritos.aspx

Condividi l’articolo:

Articolo precedente

Shock culturale e dintorni

Articolo successivo

Perchè partiamo?